Un cuore di feltro

By on Mag 3, 2021 in Contemporaneità

Guarda laggiù, la vedi? C’è una luce in fondo al tunnel. E ora che, lentamente, faticosamente, stiamo tornando alla normalità, la domanda non so se più lecita o più doverosa è: come sarà la nuova normalità? Che altro non è che chiedersi di che colore, forma e dimensione sarà il cambiamento. Come insegna la saggezza eraclitea, “Niente perdura tranne il cambiamento”. Che è un bel modo di mettere le mani avanti ed evitare di pigliarsi responsabilità; purtroppo, se è acclarato che tutto cambia (Impero russo escluso, quello è la sola cosa nell’universo mondo che non cambia neppure di una virgola) la domanda è come cambierà. I digital addicted, quelli che campano a pane e app, si fanno belli con le statistiche. Secondo loro l’esplosione dell’e-commerce e di tutti gli altri cazzabbubboli ai quali la pandemia ci ha abituato, segnano un punto di non ritorno; in tal senso Bezos può stare...

Fahrenheit 2021

By on Apr 30, 2021 in Contemporaneità

Viviamo tempi davvero interessanti. Forse non ve ne siete ancora accorti, ma c’è grande entusiasmo in giro. Uno non fa in tempo a convivere con l’idea che un sacco di persone apparentemente sane di mente si beva le fole di QAnon, che zac!, saltano fuori i teorici della carcerazione alternativa, la teoria giudiziaria secondo la quale un condannato per fatti di sangue può usufruire di un pratico modo di scontare la pena – un tempo si sarebbe detto “in comode rate trentennali” – vivendo tranquillo nel centro di Parigi. (Le vittime, i parenti delle vittime sentitamente ringraziano). Ma le notizie che giungono dal paese a stelle e strisce, il paese della libertà che nonostante tutto continuiamo ad amare, inevitabilmente trasformano in irrilevanti quisquiglie anche le più truci dichiarazioni e in sciocchezzaio le nuove raccolte di firme. Il nuovo made in iuessei che avanza si chiama...

Liberi di, liberi da

By on Apr 21, 2021 in Contemporaneità

Ci sono parole che si ha timore a pronunciare. Una è “progresso” (dal lat. progressus –us, der. di progrĕdi “andare avanti, avanzare”). Suona ridicola, ingenua come un ragazzotto di provincia in vista per la prima volta in grande città. Forse la causa sta nel grande successo che ha avuto in passato e delle aspettative che ha creato: il progresso sarà infinito; staremo bene, anzi benissimo, tutti; sempre meglio. Scomparse la miseria, le guerre, le malattie. Tutti insieme, tutti uniti, tutti fratelli. Di certo “sinistra” è la parola che ultimamente si ha più ritegno a nominare. Mentre “destra” la si brandisce più che esibisce con voluttà, “sinistra” la si sussurra con lo stesso malcelato imbarazzo con si guadagna l’ingresso del bar più vicino: “Buongiorno! Vorrei un caffè!” E poi sottovoce: “Può indicarmi la toelette per favore?”. Forse ci si vergogna della parola “sinistra” perché...

Ok boomer

By on Apr 11, 2021 in Contemporaneità

Mio padre è nato nel ‘13. Giusto in tempo per non perdersi il primo conflitto mondiale e la Spagnola. Poi gli sono toccati vent’anni di regime e la guerra nazifascista col suo corollario di bombardamenti, sfollamenti, fame e borsa nera. Ometto persecuzioni e rastrellamenti perché a lui come alla maggioranza degli italiani questo strazio fu risparmiato. Penso alla sua generazione, confronto le loro vite con le nostre di boomer alle prese con la pandemia. E mi domando se davvero i nati tra il ’46 e il ’64 siano la generazione più fortunata. Sono nato nel ’52. Nonostante le campagne vaccinali la polio continuava ancora a colpire come testimoniava l’andatura sghemba di un compagno alle medie. Tutte le sere la televisione ci ricordava che eravamo in guerra. Non era calda, tuttavia in cielo, in mare e sottoterra si coltivava alacremente l’efficacia della Bomba. Località come Luang Prabang,...

Quattro letture obbligatorie (più una facoltativa)

By on Mar 17, 2021 in Letteratura

“Tutti gli uomini vivono – la vita è il modo d’essere degli uomini, che si svolge nel tempo. Eppure pochi sono gli uomini che si sono chiesti seriamente che cosa è questa vita ed in che modo deve viversi”. E’ l’incipit di un lavoro di Giorgio Colli. Mi è tornato in mente mentre leggevo “Viaggio sentimentale” di Viktor Šklovskij, testimonianza indispensabile a tutti coloro che ancora si domandano come e perché la seconda rivoluzione più importante nella storia dell’umanità si sia trasformata prima in farsa e poi in tragedia. Scrive Šklovskij: “Un uomo è addormentato e sente suonare il campanello del padrone. Sa che deve alzarsi, ma non ne ha voglia. E allora si inventa un sogno e ci mette dentro questo campanello, fornendogli un’altra motivazione — che sta sognando le campane del mattutino, per esempio. La Russia si è inventata i bolscevichi come un sogno, come una giustificazione...